« Prev
2/5 Next »
No sj sa s'al é caligo
no sj sa s'al é garbin
las puimutos da Culino
es samêo di lat e vin

A Sighiét a non d'é puemos
nomo chês di grancj parons
encja chês es ven da ruzin
como cloštris di stalons

E las puemos Gjivianotos
nomo pirui e riçots
e trio dîsj dopo sposados
van tirant ju stafarots

       Làvocj, petènocj
       e fai la rigo in bando
       al prin ca cj damando
       mandolu ca da me

Tu sios fato fâ las treços
tu sios fato petenâ
ma figuro di uno bielo
no l'as mai pududo fâ

No sj sa s'al é caligo
no sj sa s'al é nulât
ma ju puems di chesto vilo
i an calùor di lat sbrumât

S'i cj ài bussjado, i cj ài pajado
i cj àj comprât un biel grimâl
lu âs imbût dutos la fieštos
a balâ di carnevâl
    Con la nebbia o con il sole
o che spiri un po' il garbino
le ragazze di Collina
hanno il viso latte e vino

Non “ragazze” a Sigilletto
solo figlie di ricconi
ma fan ruggine anche loro
come spranghe di portoni

Le ragazze a Givigliana
tutte balli e ricciolini
ma a tre giorni da sposate
già strascinan pedalini

       Làvati, acconciati
       e fai la riga in banda
       il prim che ti domanda
       mandalo qui da me

Ti sei fatta far le trecce
ti sei fatta pettinare
ma la mostra di una bella
non l'hai mai potuta fare

Con la nebbia e con il sole
o se il cielo è annuvolato
i ragazzi di Collina
son color latte scremato

Ti ho baciata e ripagata
ti ho comprato un bel grembiale
l'hai indossato ad ogni festa
a ballar di carnevale

Villotta raccolta a Collina e riportata da Giuseppe Scarbolo ne Il dialetto di Collina, Tesi di Laurea – Università di Padova, anno accademico 1947-48. Traduzione di E. Agostinis.

 

« Prev
2/5 Next »
Scarica
Scarica questo file (La Venere e la gerla.pdf)La Venere e la gerla.pdf[© 2016 Enrico Agostinis]276 Downloads
sei qui