« Prev
4/5 Next »

Romano Puschiasis (1868-1948)

Voineasa

Romano Puschiasis, figlio di Giovanni Giacomo di Cau di soro, e Maria Vuerich, era nato a Ludaria qualche anno prima di Vincenzo, il 6.6.1868, e si stabilì in Romania prima della fine del secolo. Già nel 1894 ebbe un figlio dalla moglie Paraschiva Sebisanu, Ion Roman, al quale seguirono altri quattro, due maschi e due femmine. Conservò sempre la cittadinanza italiana; morì a Voineasa nel 1948.

Il nipote Vasile, geologo in pensione attualmente residente a Constanţa, sul mar Nero, ci informa che era boscaiolo e che durante la prima guerra mondiale venne internato in una località situata nel Sud-Est del paese.

Romano Puschiasis

Il processo di assimilazione e di inserimento fu, forse, in questo caso più rapido e radicale. È proprio Ion Roman, primogenito di Romano - che ricoprirà la carica di sindaco di Voineasa negli anni 1934-1937 e 1941-1942 - a segnare un taglio decisivo, chiedendo, e ottenendo nel 1930, la variazione del cognome da Puschiasis a Pușchiază.

RomanoCaterinaA

Ion Pușchiază, nipote di Romano, figlio di Ion Roman, sarà, a sua volta, sindaco di Voineasa per ben venticinque anni, dal 1965 al 1989.

Nella fotografia riportata a sinistra, risalente al 1925, vediamo in primo piano Romano, cinquantasettenne, con la moglie Paraschiva e, sul retro, i figli Ion Roman e Petre; in quella a destra, scattata dallo studio fotografico Pignat di Udine, la crocetta indica la sorella Caterina Puschiasis (1856-1932).

Poiché quest'ultima aveva sposato nel 1884 Giovanni Battista Durigon di Cutz, da Gracco, si può supporre che la fotografia di menàus in Romania, fornita a Luigi Ciceri da Olga Durigon, fosse pervenuta alla proprietaria per devoluzione ereditaria; se questo fosse vero l'eventualità che tra i componenti di quel gruppetto si nasconda anche Romano appare molto probabile.

« Prev
4/5 Next »
sei qui