« Prev
29/32 Next »

 

12.10.1901 - numero 20

Parere di un giudice inglese in fatto di krumiri

«Dedicato a

  • Nigris Ovaldo Raimondo di Ampezzo,
  • Zanini Eliodoro Vicenza,
  • Pasoletti Giov. Batta Ampezzo,

che soli fra gl'italiani scioperanti in Mainz vennero meno ai loro doveri e tradirono i loro fratelli:

"Pe' membri dell'organizzazione un krumiro è rispetto alla sua classe ciò che un traditore è rispetto al suo paese; e quantunque ambedue possano rendere in tempi difficili de' servigi notevoli ad una delle parti contendenti, appena che è tornata la pace sono disprezzati da tutti.
Il krumiro è l'ultimo che presti aiuto al suo fratello, ma è anche il primo a pretenderlo. Egli non bada a sé, se non vede oltre il domani , e per denaro o lodi indegne tradisce i suoi amici, la famiglia e il suo paese. In una parola è un traditore in piccolo che vende i suoi colleghi, poi viene venduto dal suo padrone, fino a tanto che viene disprezzato e sfuggito da tutti i partiti; è un nemico di sé medesimo, della società presente e della futura."»
« Prev
29/32 Next »
sei qui