« Prev
8/32 Next »

 

11.05.1901 - numero 10

Movimenti di salario. Muratori

«[…]
In Halle il 25 Aprile 280 manovali che erano occupati nelle fabbriche cui lavorano dei traditori, stomacati, di propria iniziativa, abbandonarono il lavoro. D'allora in poi i krumiri sono obbligati a fare anche tutti quei lavori che di solito sono eseguiti dai manovali, come portare la calce, i mattoni, ecc. Alcuni dei rompitori di sciopero sono partiti; ma disgraziatamente il loro posto è stato subito occupato da altri, specialmente italiani, i quali, attratti dalle promesse bugiarde dei padroni e degl'imprenditori accorrono in gran numero.

Indecente e al di sotto di ogni critica è il modo col quale qualche imprenditore alloggia questi disgraziati, e non si capisce come per questo fatto soltanto non se ne vadano via. Casualmente siamo entrati in una di queste tane posta in Hendelstrasse e appartenente all'imprenditore Pfeiffer, uno de' più ostinati. Non propriamente nella stalla, ma poco lontano, nel fienile vi erano disposte in fila quattro casse con un po' di paglia e una coperta, e il fetore che usciva da quella stanza era insopportabile. Lì dormivano almeno otto operai. Maraviglia un poco il fatto che le autorità non si preoccupino di questi inconvenienti: ma si sa bene quando si tratta di scioperi autorità e capitale vanno sempre a braccetto.

La polizia si dimostra sempre più partigiana, e tutte le settimane abbiamo da lamentare qualche condanna dovuta al suo zelo. La settimana scorsa un collega venne condannato a 14 giorni di carcere perché stava di sentinella e un altro a tre settimane.
[…]»

« Prev
8/32 Next »
sei qui