« Prev
19/36 Next »

 

28.07.1906 - numero 30

Pidocchi e cimici

«[...]
Un succhione punito:
Su tratta di un certo Fabris Ermenegildo di Campeis nel comune di Pinzano al T. Pare che codesto signore sia uno di que' così detti mangia-Pfenning e che pretenda dagli operai che hanno il dubbio piacere di lavorare sotto di lui, un compenso speciale. Insomma ci troviamo in presenza di una delle più brutte piaghe che insozzino l'emigrazione, cioè dello sfruttamento dell'operaio sull'operaio. Ecco cosa ci scrivono a questo proposito da Mittweida: Fabris Ermenegildo, capo-muratore presso la ditta Enkel Ulemann prese l'impegno di fornire da 100 a 150 muratori a 45-50 Pf. all'ora. Una parte li fece venire direttamente dall'Italia e gli altri li assumeva sul lavoro, via via che si presentavano, o che gli scrivevano per sapere se aveva bisogno della loro opera. Noi sottoscritti eravamo di quest'ultima categoria. Venuti in cerca di lavoro per noi e per una cinquantina di altri colleghi, egli ci assunse sul lavoro; ma poi pretendeva che gli dessimo 6 M. a testa per aver diritto di lavorare. Non accettammo ed egli li licenziò. Ricorremmo ai principali, i quali ci dissero una parte almeno di noi che potevano pure proseguire per conto di loro.
Saputo poi che parecchi operai gli avevano già consegnato che 1, chi 2 e chi persino 4 M. ci rivolgemmo a lui dicendo che se non restituiva immediatamente il mal tolto saremmo ricorsi alla polizia. Allora egli vedendosi smascherato restituì tutto. I padroni poi, sapute le sue marachelle, lo mandarono via passandolo alla ditta Wolle di Lipsia, la quale appena otto giorni dopo gli dette il ben servito.
Seguono le firme. E così andrebbe sempre fatto! Quasi tutte le settimana ci capitano delle lettere in cui operai lamentano lo sfruttamento indecente di certi capi e ci domandano che l'organizzazione provveda. L'organizzazione fa quel che può ma di più non è possibile! Sono gli operai stessi che si dovrebbero ribellare contro un sistema così inumano di sfruttamento mettendo senza misericordia alla gogna i colpevoli e rivelando all'opinione pubblica di casa il segreto di certi guadagni favolosi.
[...]»

« Prev
19/36 Next »
sei qui