« Prev
2/49 Next »

 

05.03.1904 - numero 4

Mascalzoni e …. ciuchi!

«[…] Poche settimane fa i muratori di Rathenow presentarono ai loro padroni ed imprenditori un memoriale in cui domandavano alcuni miglioramenti nelle condizioni di lavoro.
Gl'imprenditori seguendo un vezzo diventato così comune fra di loro non si contentarono di rifiutare ogni trattativa ma aggiunsero: Chiameremo gli italiani! come si direbbe: Chiameremo il Baubau!
Naturalmente gli operai non si lasciarono intimorire […]

Probabilmente pensavano che a questi geli gl'italiani non si sarebbero ancora mossi dai loro focolari. Ma con grande disappunto la sera del 22 di Febbraio ne videro arrivare non 30 – come dicevano gl'imprenditori – ma dodici.

Ma che gente erano? Da una lettera privata del fiduciario dell'Unione muraria traduciano: "Ho avuto occasione di osservare questi campioni dell'arte italiana: non sono buoni ad altro che alzare un po' di muro e menar la carriola. Per le facciate esterne non sono adoprabili. Al palazzo di giustizia avevano licenziati quasi tutti i nostri per fare loro posto, e due giorni dopo gl'imprenditori li hanno richiamati tutti e certamente non per pressione della direzione. L'imprenditore P., il più accanito di tutti, ha dichiarato di averne il naso pieno di questi dodici e di non desiderarne degli altri."
[…]

Nel prossimo numero pubblicheremo i nomi di questo dodici… apostoli dell'incapacità crumiresca, veri pidocchi dell'organizzazione proletaria, e disonore del loro paese.»

« Prev
2/49 Next »
sei qui