« Prev
16/49 Next »

 

04.06.1904 - numero 10

Agitazioni e scioperi. Muratori

«Nell'articolo di fondo del numero scorso scrivemmo che la pace nell'industria poteva essere soltanto l'effetto di una leale intesa fra la classe padronale e le organizzazioni di mestiere, e non mai una imposizione della forza. Una splendida conferma di ciò ce l'offre in questo momento la città di Magonza.

L'anno scorso gl'imprenditori edili alle giuste e modeste domande degli operai risposero con una "serrata" generale e rifiutarono ostinatamente qualunque trattativa e qualunque accomodamento dicendo che volevano assicurare la pace per venti anni almeno. E dopo parecchie settimane di resistenza grazie l'intervento de' soliti crumiri friulani condotti dai non meno saliti Cassetti, Petri e Di Sopra gli operai edili furono costretti ad arrendersi incondizionatamente e ad accettare i patti de' vincitori. Questi respirarono pensando ai vent'anni di pace che s'illudevano di avere davanti a sé. Ma l'illusione beata non doveva durare troppo poiché nell'Aprile scorso l'organizzazione presentò agl'imprenditori le stessissime domande dell'anno scorso. […]

In Königsberg la situazione è sempre la medesima, né valgono a cambiarla i 130 crumiri friulani di cui tutte le mattine la polizia è costretta a curare il trasporto mediate carrozze e carri sul lavoro. Né gli sforzi degl'imprenditori di attirare sulla piazza un materiale di crumiri meno scadente di quello di cui attualmente dispongono hanno dati buoni risultati.
[…]»

« Prev
16/49 Next »
sei qui