« Prev
23/49 Next »

 

16.07.1904 - numero 13

Lasciando il martello…

«Il compagno Ottavio Puntil ci scriva da Deuben:

Caro "Operaio". Leggo nelle tue pregiate colonne del N° 11 che il R. Console d'Italia in Saarbrücken pubblicò un manifesto esortante gli operai italiani a tradire i loro fratelli di lavoro, e dici che è il primo caso del genere. Su questo punto t'inganni perché de' consoli che in caso di bisogno hanno diretti gli operai che si recavano da loro a domandare informazioni sul lavoro in luoghi di sciopero ve ne sono sempre stati, ed un caso simile capitò a me nel 1898.
Trovandomi disoccupato mi recai del R. console di Dresda ad esporgli il mio caso e a pregare se mi sapesse indicare un luogo in cui facilmente avrei trovato da impiegarmi, ed egli, per non sbagliare, mi indicò la città do Spandau nelle quale in quel momento vi era sciopero!
Per fortuna telegrafai al console di Berlino, il quale meno crumirofilo del suo collega di Dresda, mi avvisò che in Spandau vi era sciopero e m'indicò Halle s. S.
Mi addolora moltissimo il fatto che anche quest'anno vi è un gran numero di crumiri italiani, specialmente friulani, che seguitano a discreditare la nostra nazione e a procacciare una fama ben trista.
Però si vede che sono sempre gli stessi poiché i nomi de' conducenti sono i medesimi degli anni scorsi.
Si vede bene che vi è ancora della gente per la quale gli sforzi fatti dall'"Operaio Italiani" e dalle organizzazioni tedesche che già più volte hanno mandato de' propagandisti nell'estremo lembo delle nostre Alpi sono stati inutili. Però dai nomi si vede che questi acefali provengono quasi tutti dai paesi ne' quali regna incontrastato il Piccolo Crociato, l'organo de' democristiani friulani. Ora quando si conosce il contegno di questo giornale rispetto al movimento operaio ciò non reca più maraviglia.
Ma a tutti i colleghi e compagni che hanno la mente un po' più aperta il grido: Avanti nella propaganda per toglierci da dosso la vergognosa taccia di crumiro che ci perseguita dovunque si passi!
Guerra all'ignoranza e alla superstizione!»

»

« Prev
23/49 Next »
sei qui