« Prev
28/49 Next »

 

13.08.1904 - numero 15

Pidocchi e cimici

Oggi pubblicheremo una nuova lista di crumiri che lavorano a Königsberg e nel numero prossimo cominceremo con quella di Bremerhaven.

1   Leoncedio Carlo di Claut
2 Pascolo Giorgio di Claut
3 Zamolo Alaerto di Claut
4 De Bernardo Tomaso di Claut
5 Tarussio Pietro di Paularo
6 Di Qual Giacomo di Rigolato
7 Di Qual Gio. Batta des Fotis di Rigolato            
8 Della Pietra Giuseppe di Rigolato
9 Della Pietra Basilio di Nardin Rigolato
10 Di Sopra Giovanni di Teodoro Rigolato
11 Di Sopra Amilcare di Teodoro
12 Della Pietra Giuseppe Catinon Rigolato
13 Mengotti Giuseppe di Comeglians
14 Estua Daniele di Giacomo Comeglians
15 Morassi Giovanni di Forni
16 Guirin E. di Forni

Anche in questa lista primeggia Rigolato, o per meglio dire le sue frazioni Stalis e Vuezzis. Vi troviamo delle vecchie conoscenze; il Di Qual Giacomo che al tempo dello sciopero di Halle giurava e spergiurava sulla madonna di esser più candido d'una colomba, e sacramentava che i crumiri erano i più grandi mascalzoni che Dio avesse messo in terra e che meritavano tutti d'esser impiccati. O perché non compra lui ora un po' di corda? Poi vi sono il suo figliolo e i due figliuoli del Di Sopra Teodoro. Si vede bene che il proverbio: "Chi di gallina nasce convien che razzoli" in moltissimi casi è vero.

A Brema vi sono per ora dieci crumiri italiani di cui 4 muratori.
I capi sono

  • Florian Luigi
  • Cella Giovanni

ambedue di S. Daniele nel Friuli.
[…]»

« Prev
28/49 Next »
sei qui