« Prev
33/49 Next »

 

10.09.1904 - numero 17

Pidocchi e cimici

«Seguitiamo a pubblicare la lista de' crumiri dei Bremerhaven – Lehe – Geestemünde. Di parecchi non c'è riuscito ancora di stabilire i comuni ai quali appartengono, ma speriamo che quando pubblicheremo l'opuscolo promesso adorno de' ritratti de' capi e di alcuni gruppi avremo il registro in ordine perfetto, come se fosse uscito da un ufficio d'anagrafe. Intanto ringraziamo tutti que' nostri lettori che ci hanno inviate delle correzioni e delle notizie biografiche sul passato di codesti… bonomelli.

Simometti Daniele           di Natarugo Castelnuovo        
Somonetti D. "     "
Simometti S. "     "
Simonetti ? "     "
Vidoni I " Forgaria
Vidoni II "     "
Vidoni III "     "
Zuliani "     "
D'Andrea Nicolò "     "
Brovedani Pietro " Clausetto
Zanier Giov. Batta "     "
Zanier Antonio "     "
Zanier Angiolo "     "
Zanier Natale "     "
Zanier Ferdinando " Castel Vecchio Pinzano
Fadi ? " Venzone
Menegon Luigi " Amaro
Messana G. B. " Casanova
Berton Leonardo di Enemonzo
Galante M. "     ?
Galante Nicolò "     ?
Bonanni G. "     ?
De Stefano Daniele "     ?
Peretti Giovanni "     ?
Battistutti Giuda di Rigolato
Svander G. "     "

In Battistutti Guido aveva lavoro remunerato assai bene ne' dintorni di Kiel; ma ha preferito per l'ingordigia di pochi Pf di più all'ora e di un compenso straordinario di una volta tanto recarsi a fare il bonomelli in Bremerhaven.

Il sindaco di Buia ha ragione:
Da Beucha ci scrivono:

Il Sindaco di Buia ha ragione se non vuole riconosce come suoi amministrati i crumiri Piva Gaetano e Pederiva Urbano citati nella lista d'infamia pubblicata sul No. 14 del suo giornale; perché questi due bei ciaccherini sono invece della provincia di Belluno, e più precisamente del comune di Sovramonte di Belluno.

Errata-corrige.
Nella lista de' crumiri pubblicata nel No. 14 dell'"Operaio Italiano" è citato il crumiro
Prodorutti Leonardo di Giov. Batta
La paternità è errata; invece deve essere:
Prodorutti Leonardo di Giuseppe
indegnamente membro della "società operaia" e corrispondente del Segretariato dell'Emigrazione di Udine.
N.d.R. A proposito di codesto signore speriamo che i membri della "società operaia" si ricordino quest'inverno d'una deliberazione presa in primavera a proposito dei soci-crumiri e l'applichino senza riguardi.»

« Prev
33/49 Next »
sei qui