« Prev
29/31 Next »

Morti in guerra

Come ogni altro paese, così anche Givigliana pagò il suo contributo di sangue e di fiorenti vite umane alla gloriosa guerra italiana.

Abbiamo già rilevato che i tre anni di guerra, tra soldati in servizio e operai reclutati per i lavori militari al fronte, si può dire che tutto il paese, uomini e donne, fosse mobilitato in permanenza.

Si contano alcuni invalidi e mutilati, e cinque morti della guerra.

Caduti in guerra
Caduti in guerra
  1. Della Martina Arturo — dell’ottavo reggimento alpini, battaglione Tolmezzo — morto a Pal Piccolo il 29 aprile 1916, lacerato da urta bombarda mentre procurava di mettere in salvo i propri compagni. Prese parte a tutte le azioni del Pal Piccolo e del Pal Grande, dall’inizio della guerra.

  2. Gortana Vittorio — del secondo reggimento fanteria. Prese parte a molte azioni al Monte Santo, e durante la ritirata, alla battaglia di Casarsa; forse per ferite e per i disagi della ritirata, moriva a Treviso il 4 novembre 1917.

  3. Gortana Silvestro — del ventiquattresimo reggimento fanteria, morto a Solarolo e sepolto al Col Dell’Orso, il 26 giugno 1918. — Prese parte alle azioni del Monte Grappa dall’inizio della difesa sul Piave, poiché coi suoi compagni della classe 1899 accorse a fermare il nemico invasore. — Morì colpito alla testa da una scheggia di granata.

  4. Zanier Andrea — addetto al Comando del primo reggimento genio, quinto corpo d’armata. Partecipò ai disagi di guerra nelle zone di operazione. Fu colpito dalla febbre spagnola e morì a Bersato il 2 novembre del 1918.

  5. Zanier Giovanni — del trentaquattresimo reggimento fanteria, primo reparto Zappatori. Prese parte alle azioni del Monte Santo e dintorni e fu fatto prigioniero al momento dell’invasione. Dopo lunga fame e lunghi stenti di prigionia sofferti nei concentramenti di Boemia, ad Heinricksgrim, lontano dai suoi e dalla Patria, fu strappato da una dolorosa morte di nefrite, il 2 giugno 1918, e si trova nella tomba N. 487, nel cimitero da campo di Heinricksgrim.

Una preghiera ed un memore pensiero per il loro sacrificio e per il loro valore a beneficio della causa nazionale.

« Prev
29/31 Next »
sei qui