Sul «Conte Verde» (ottobre 1927)

Conte Verde ottobre 1927
Sul «Conte Verde», al largo delle Canarie, 11 ottobre 1927. Seduti in seconda fila: Giusto D'Agaro da Forni Avoltri (primo a sinistra) fg. di Davide da Ludaria (rientrato dall'Argentina nel 1931, custode ai Piani di Luzza per più di 40 anni, morì a Salsomaggiore), Valerio Candido di Viri (terzo), Mario Candido di Nart (quarto), Ferdinando Puschiasis di Casador (quinto), "Bepo de Tapo" (sesto, Giuseppe Del Fabbro?). In basso: Francesco D'Agaro (primo a sinistra), fratello di Giusto, morto in Argentina e Federico D'Agaro "Rico fr. Meriglio" (secondo). Esistono almeno tre originali di questa fotografia, uno di proprietà di Alma D'Agaro, nipote di Ferdinando, uno di Ida Puschiasis, ambedue da Ludaria, e uno di Giacomo Pinna da Forni Avoltri (si veda quanto pubblicato sul sito FB Rigolato: cartoline d'epoca, foto d'epoca il 21 maggio 2022).

 

Dal «Conte Verde» approdato a Buenos Aires il 20 ottobre 1927, proveniente da Genova, sbarcarono almeno sette tra rigoladotti, ludariotti e fornetti:

  Apellido Nombre Edad    Estado    Nacionalidad     Lugar de Profesión
       civil    nacimiento      
  CANDIDO LUCA 22 S ITALIANA UDINE ALBAÑIL
  CANDIDO MARIO 22 S ITALIANA UDINE ALBAÑIL
  CANDIDO VALERIO 23 S ITALIANA UDINE ALBAÑIL
  D'AGARO FEDERICO 26 S ITALIANA UDINE ALBAÑIL
  D'AGARO FRANCESCO 25 S ITALIANA UDINE ALBAÑIL
  D'AGARO GIUSTO 24 S ITALIANA UDINE CARPINTERO  
  DE FABBRO    GIUSEPPE    24 S ITALIANA UDINE PEON
  PUSCHIASIS    FERDINANDO    43 C ITALIANA UDINE ALBAÑIL

 

Solo Ferdinando Puschiasis, il più anziano che stava per ricongiungersi col fratello Daniele e con i nipoti Ervino ed Ermenegildo, partiti da Trieste nel precedente mese di agosto, era sposato.

Tutti praticavano mestieri legati all'edilizia.

 

 
sei qui